martedì 14 giugno 2011

un giorno qualunque

eccomi.
il referendum è andato. olé.
chissà cosa conta di fare il nostro primo ministro.. sono quasi curiosa.
nemmeno sto a dire che sono giorni di fuoco.
vi racconto solo ieri.
h7.00 sveglia.
colazione, vestizione, uscita alla volta del nido.
h.9.00 rientro a casa.
preparazione di una delle stanze. arrivo guest previsto per le 16e30.
biancheria non presente alla base prima delle ore 13.00.
del lavoro di grafica da sbrigare.
la spesa da fare.
il nano da piazzare per il pomeriggio.
dato che ho un appuntamento di lavoro alle 18.00 dall'altra parte di roma.
lui esce alle 15e30 dal nido, e dovrei portarlo dai nonni fuoriporta, ma non riuscirei a tornare per le 16e30. potrebbe uscire alle 13.00 ma devo aspettare la biancheria, o i guest dormiranno sul materasso.
alla fine imploro il nido di anticipare di un'ora l'uscita nanica.
così:
h13.00 arrivo biancheria. sistemazione stanza. pranzo frugale.
h13.45 salto in macchina e parto in una roma infuocata alla volta del nido.
h14.15 prelevo il nano, lo lego al seggiolino della macchina e lo porto a 30 km da casa.
h15.00 arrivo dai nonni fuoriporta, deposito del nano e delle istruzioni.
h15.10 ri-salto in macchina e mi dirigo di nuovo verso il centro.
h16.00 sono di nuovo a casa, a roma. mi cambio e aspetto con ansia i guest. apprendo felicemente della chiusura dei seggi e dei risultati non definitivi, ma sicuri.
h16.30 rientra il papi dal lavoro che non si sente bene purtroppo.
ma anche per fortuna però, perché i guest devono essere stati bloccati in stazione. non arrivano ed io devo uscire per forza.
h16e50 ri-ri-salto in macchina per attraversare una roma bloccata, dai festeggiamenti e dai poveracci costretti come me a girare in macchina.
h18.00 giungo al mio appuntamento. tutto si svolge per il meglio.
h20e30 fine dei lavori. devo tornare dai nonni. per recuperare il nano, che si sta già disperando.
h21e30 arrivo stremata dai nonni, coccolo il nano disorientato.
h22.00 dopo una cena veloce, porto a letto tommaso e ci resto anche io.
abbiamo dormito dai nonni. ero troppo stanca per tornare a casa.
ora ci torneremo. con calma. oggi niente nido per lui e niente lavoro per me.
le giornate sono così per ora. caotiche. ma lo supereremo questo momento.
e tornerò come prima, o meglio, o peggio. chi lo sa?!
e.

9 commenti:

  1. io spero sempre in peggio (adesso poi non riesco proprio a fare altro)!

    RispondiElimina
  2. direi più che frenetica!!!

    RispondiElimina
  3. @Bert --> e che dè? si spera in peggio ci si para il culo per il peggio, no?

    @Ema --> so stanca, so troppo stanca. Ti presto il mio lavoro. Facciamo a cambio per una settimana, non di più... forse cambiare il tipo di stanchezza ci rigenera entrambe. please...

    RispondiElimina
  4. conosco bene questo tipo di giornate. e per me (per ora) son finite... arriveranno anche per te giorni di riposo :)

    RispondiElimina
  5. Mizzeca!!! Stressantuccio davvero questo "giorno qualunque"!! :S ;)

    P.S.: "Uscita nanica" è meravigliosa... ahahah... :)

    RispondiElimina
  6. ohi, vedete a che ora torno a vedere il blog???!!!
    @Julez: cambio cambio, please!
    @Bert.. ma nooo che dici??!
    @Annek: lo sperooo.. non so quanto resisto così..
    @Lian: benvenuta!
    @Vince: te capì?! :))

    ufff...
    e. sloggata

    RispondiElimina
  7. anche io gli ultimi post dopo la mezzanotte, se mi reggeva la palpebra -.- però dai dai! io quando sono così impegnata penso "un ultimo sforzo che poi finirà" è una sciocchezza ma pensarlo mi aiuta =)

    RispondiElimina
  8. ...sarai in formissima però!

    RispondiElimina
  9. ma se intendi che una scavata e con le occhiaie è informissima, ti dirò che non mi posso lamentare! O_o
    e.

    RispondiElimina